La "lama" presente all'interno del Giardino Botanico del Cansiglio

 

In prossimità del molinieto troviamo uno stagno, denominato localmente “lama”. Si tratta di uno specchio d’acqua tipicamente circolare, originatosi dalla impermeabilizzazione del fondo di una dolina in seguito alla deposizione dei materiale argilloso quale residuo della dissoluzione del calcare contenuto nella Scaglia Grigia. In un ambiente carsico come quello del Cansiglio la presenza di questi specchi d’acqua, usati anche come pozze d’alpeggio, diviene fondamentale in quanto sono gli unici luoghi in cui permane una riserva d’acqua anche in periodi di siccità. Qui vegetano varie specie quali la vistosa tifa maggiore (Typha latifolia), la lisca lacustre (Schoenoplectus lacustris), la veronica beccabunga (Veronica beccabunga) e la giunchina d'acqua (Eleocharis palustris).

Lingua

Back to Top